Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘wiki’

#MuseSocial è uno spazio wiki all’interno del quale diversi professionisti museali si scambiano informazioni sullo scenario Musei & social media. Periodicamente ci sono live chat, #hashtag da seguire su Twitter con temi dedicati, ma anche interessanti incontri offline. L’obiettivo è quello di costruire una comunità aperta e collaborativa che discuta questi temi in modo concreto, grazie a casi reali, survey e question.
Ovviamente, c’è un profilo twitter (@mw12social) che si può seguire per restare aggiornati sulle attività del gruppo.

Una delle ultime sessioni di #musesocial è avvenuta in occasione di Museums and the web 2012 e aveva come oggetto “community & audience”: su Storify è possibile vedere l’intera discussione via tweet.

Di seguito l’elenco dei professionisti museali coinvolti nel progetto:

Elissa Frankle, US Holocaust Memorial Museum, @museums365
Georgina Goodlander, Smithsonian American Art Museum, @bathlander
Victoria Portway, National Air and Space Museum, @sluggernova
Jeff Gates, Smithsonian American Art Museum, @outtacontext
Darren Milligan, Smithsonian Center for Education and Museum Studies, @darrenmilligan
Rachel Greiner, National Air and Space Museum, @gator_rach
Brian Alpert, Smithsonian Office of the CIO, @balpert
Erin Blasco, Smithsonian Postal Museum, @erinblasco
Sarah Banks, National Museum of Natural History, @sbanks20
Amelia Wong, US Holocaust Memorial Museum, @amelialikespie

Annunci

Read Full Post »

L’ambizioso progetto Smithsonian Commons sta facendo passi avanti e il 18 giugno scorso è stato pubblicato online un prototipo delle futura piattaforma che avrà il compito di veicolare in modo gratuito e “usabile” i contenuti dell’istituzione.

[…] a new part of our digital presence dedicated to stimulating learning, creation, and innovation through open access to Smithsonian research, collections and communities. (Smithsonian2.0)

Al momento si possono vedere 4 video tutorial (Museum Visitor, Teacher, Millennial, Enthusiast / Citizen Scientist)  che mostrano  come questo progetto porterà diversi benefit alla fruizione dei contenuti.

Il progetto è davvero molto interessante: soprattutto è da sottolineare come siano “partiti dal basso” nella progettualità, pubblicando online un prototipo e chiedendo espressamente il parere degi utenti.
Il mio consiglio è di vedere i video che ho inserito sopra direttamente dal player del sito: un modo ben fatto di mostrare i contenuti multimediali.
Vi ricordo che la web strategy di Smithsonian Istitution è interamente consultabile qui: già, uno spazio Wiki utilizzato in maniera impeccabile e ricco di contenuti. Oltre Commons, trovate infatti tutta la strategia relativa al Mobile, Workshop, FAQ, e molto altro.

Read Full Post »

Wikimedia@MW2010

L’ultima edizione di Museums and the Web 2010 ha visto la partnership di Wikimedia Foundation: le discussioni che si trovano sul sito non sono moltissime, ma ci sono tuttavia alcuni temi interessanti.

Vi segnalo Wikipedia editorial rules and museum curators e Wikipedia Saves Public Art.

Sul fronte wiki, per sapere tutto quello che è accaduto al MW2010 potete anche visitare lo pagina dedicata da museums.wikia all’evento, in cui trovate pure i link ai paper correlati.

Read Full Post »

Social media e “universo mobile” sono due ambienti in continua evoluzione, soprattutto per quanto riguarda la reciproca contaminazione.

Ho scoperto da poco che esiste una preziosa risorsa che propone approfondimenti, paper, podcast, e altre risorse interessanti per l’ambito museale:

Museummobile

MuseumMobile.info

All’interno della piattaforma è presente anche uno spazio wiki di collaborazione per futuri progetti mobili. I contributors attuali li trovate qui, e sono nomi di tutto rispetto!

It is a free public wiki and continues to grow as a repository for resources, best practice, and conversation about mobile interpretation and technologies for museums and cultural sites.

Una curiosità: sapete chi è a capo del progetto MuseumMobile?

Nancy Proctor, attuale Head of New Media in the Smithsonian American Art Museum.

In precedenza vi avevo già presentato altre figure nell’ambito nuovi media & musei (vedi > Curator of new media).

Ormai mi sono già laureato, ma una tesina che analizzi l’evolversi di queste nuove figure relative ai nuovi media all’interno di musei ed istituzioni culturali sarebbe veramente interessante da realizzare: potrebbe essere un’idea per qualche studente di scienze della comunicazione che legge questo blog.

Da dove iniziare? Intanto leggendo il CV di Nancy, davvero notevole e con un po’ di Italia all’interno.

Read Full Post »

Ho già parlato dell’iniziativa MuseumNext: ora, parallelamente a questa esperienza nasce una piattaforma wiki per lo scambio informativo relativamente al tema musei e social media:

Open Social Media Framework for Museums

This is a resource to allow museums to come together to develop a framework which can be used by institutions around the world as a starting point when considering how they can create a social media plan for their museum. We hope that you will help us to make this as useful a resource as possible, by collaborating with your colleagues around the world and adding to this WIKI. To do this you need to join the wiki.

Per quanto riguarda l’appuntamento 2010 di MuseumNext sono stati resi noti i nomi di alcuni speaker: da non perdere sarà l’intervento di John Stack, Head of Tate Online.

Ma parteciperanno pure Victor Samra, Digital Media Marketing Manager MoMA, e Gail Durban, Head of V&A Online Victoria & Albert Museum.

Read Full Post »

Smithsonian's Web and New Media strategy process.

Smithsonian's Web and New Media strategy process.

Si parla spesso di innovazione, soprattutto nel settore culturale.

Per questo consiglio a tutti di vedere come si è comportata una delle più prestigiose istituzioni americane, lo Smithsonian Institute.

E’ incredibilmente confortante vedere come lavorano certe strutture.

Smithsonian ha reso pubblica, sottoforma di Wiki (ma non solo), la strategia relativa ai Nuovi Media: “Smithsonian’s Web and New Media strategy process”.

This strategy was created through a fast and transparent process that included workshops, the Smithsonian 2.0 conferenceTwitterYouTube, and ongoing collaboration through this wiki. It’s a work in progress, and we welcome your comments, questions, and input, via the Smithsonian 2.0 blog or through any discussion tab on this wiki site. This strategy will feed into the Smithsonian’s comprehensive strategic plan, currently under development.

Questi gli scopi del Wiki:

  1. Involve internal and external stakeholders, experts, and the general public (our customers! the people we serve!) in the development of the Smithsonian’s Web and New Media Strategy.
  2. Provide a transparent, fast, and durable medium for strategy development and refinement
  3. Demonstrate the potential of an open, public process

Anche il semplice fatto che una così grande istituzione chieda apertamente il coinvolgimento del pubblico attraverso una reale partecipazione, la dice lunga sulla visione moderna dello staff.

In tre parole: confronto, trasparenza e condivisione.

Read Full Post »

Ecco qui qualche altro tentativo di utilizzo  di wiki facilities in ambito museale.

Amersham Museum – Wiki page

Amersham Museum > Wiki page

Amersham Museum > Wiki page

Minnesota History Center: MN150 Wiki

Minnesota History Center > MN150 Wiki

Minnesota History Center > MN150 Wiki

Altri esempi sono la piattaforma wiki dell’ Exploratorium a San Francisco e quella dell’onnipresente Brooklyn Museum: in questo particolare caso la wiki è realizzata in relazione ad uno specifico progetto del museo (The Dinner Party), e si rivolge prevalentemente agli scolari, chiedendo il loro contributo. Anche qui per poter contribuire alla wiki è necessario contattare via mail il museo.

Abbiamo visto come una piattaforma wiki sia uno strumento per la creazione di progetti condivisi, piuttosto che per dialogare con l’utenza.

In questo senso la condivisione di progetti và intesa sia internamente che esternamente al museo.

Una wiki può essere utile come spazio comune per lo staff (o per gli staff) dove far nascere e sviluppare un progetto del museo, risiedendo così all’interno dell’intranet. Allo stesso modo, come si è visto, può essere un’appendice online di una mostra/esibizione: cioè uno spazio rivolto agli utenti in cui essi possono produrre materiale relativo a quel progetto specifico del museo.

Read Full Post »

Older Posts »