Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘wikipedia’

Wikimedia@MW2010

L’ultima edizione di Museums and the Web 2010 ha visto la partnership di Wikimedia Foundation: le discussioni che si trovano sul sito non sono moltissime, ma ci sono tuttavia alcuni temi interessanti.

Vi segnalo Wikipedia editorial rules and museum curators e Wikipedia Saves Public Art.

Sul fronte wiki, per sapere tutto quello che è accaduto al MW2010 potete anche visitare lo pagina dedicata da museums.wikia all’evento, in cui trovate pure i link ai paper correlati.

Annunci

Read Full Post »

Ecco qui qualche altro tentativo di utilizzo  di wiki facilities in ambito museale.

Amersham Museum – Wiki page

Amersham Museum > Wiki page

Amersham Museum > Wiki page

Minnesota History Center: MN150 Wiki

Minnesota History Center > MN150 Wiki

Minnesota History Center > MN150 Wiki

Altri esempi sono la piattaforma wiki dell’ Exploratorium a San Francisco e quella dell’onnipresente Brooklyn Museum: in questo particolare caso la wiki è realizzata in relazione ad uno specifico progetto del museo (The Dinner Party), e si rivolge prevalentemente agli scolari, chiedendo il loro contributo. Anche qui per poter contribuire alla wiki è necessario contattare via mail il museo.

Abbiamo visto come una piattaforma wiki sia uno strumento per la creazione di progetti condivisi, piuttosto che per dialogare con l’utenza.

In questo senso la condivisione di progetti và intesa sia internamente che esternamente al museo.

Una wiki può essere utile come spazio comune per lo staff (o per gli staff) dove far nascere e sviluppare un progetto del museo, risiedendo così all’interno dell’intranet. Allo stesso modo, come si è visto, può essere un’appendice online di una mostra/esibizione: cioè uno spazio rivolto agli utenti in cui essi possono produrre materiale relativo a quel progetto specifico del museo.

Read Full Post »

Tra i musei che hanno sperimenatato una piattaforma wiki c’è il più grande museo del New Jersey: The Newark Museum.

La piattaforma wiki del museo è raggiungibile al saguente indirizzo: http://www.newarkmuseumpr.org/mwiki/index.php?title=Main_Page

Cliccando lo screenshot sottostante potete leggere una bereve review del progetto.

The Newark Museum > Wiki page

The Newark Museum > Wiki page

Read Full Post »

E’ a partire dal 2005 che si inizia ad analizzare in che modo  le applicazioni wiki favoriscano il rapporto tra musei e il pubblico online: uno dei primi lavori presentati è il paper “Museums and Wikipedia” realizzato da Jonathan Bowen (London South Bank University, UK) e Jim Angus (National Institutes of Health, USA) e discusso ad Albuquerque all’interno del convegno Museums and the Web 2006.

Museums Wiki

Museums Wiki

Bowen approfondirà questo tema anche alle edizioni 2007 e 2008 della medesima conferenza.

Nel 2007, infatti, a San Francisco, l’attenzione di Bowen si sposta esternamente all’utilizzo di Wikipedia: questa rimane una risorsa preziosa, che i musei dovrebbero utilizzare per inserire voci enciclopediche che spieghino la loro storia e le loro collezioni.

Tuttavia, in certi casi è indicato che le stesse realtà museali si costruiscano una propria piattaforma wiki, o quando questo non è possibile, utilizzino delle “wiki facilities” esterne che interagiscano con Wikipedia.

[…] it is possible to use other external wiki facilities. A museums wiki has been set up expressly for this purpose and other experiments concerning museum-related information (http://museums.wikia.com). Museums and people interested in museums are encouraged to add to this wiki and promote community use of it. (Bowen)

Nasce così il progetto “Museums Wiki”: http://museums.wikia.com.

In sostanza, qual è il principale vantaggio di una wiki esterna a Wikipedia?

L’utilità del progetto Museums Wiki risiede nel fatto che c’è più libertà per quanto riguarda le voci che si possono inserire: Wikipedia, essendo un’enciclopedia, consente l’immissione di informazioni “storiche”, e non troppo dettagliate, e soprattutto non consente voci marketing-oriented.

Il problema della lunghezza e della complessità delle voci può emergere, ad esempio, per musei importanti e di grandi dimensioni che necessitano di una voce per ogni collezione importante. Museums Wiki risolve proprio questi problemi, lasciando ampia libertà di inserimento:

So far this has been used for experimental purposes, but museums are encouraged to use it for any museum-related entries that they would like to create. This may be especially appropriate if the material is not suitable for Wikipedia (e.g., if it is too detailed or marketing-oriented). The issue of notability and marketing is not applicable on the Museums Wiki. The main criterion for acceptability applicable on this wiki is that the material is museum related. (Bowen)

Note

Le caratteristiche di collaborazione e creazione condivisa di contenuti, proprie delle piattaforme wiki, sono opportune in quei contesti in cui è il contenuto da costruire l’elemento primario e non la socializzazione tra i partecipanti, come invece succede ad esempio nei social network.

  • Wikis are great for documenting events with many parallel content tracks
  • Wikis are great useful when a distributed team is designing a project together or managing a changing set of projects (Simon)

Vedremo più avanti quali realtà museali hanno utilizzato piattaforme wiki, in quali contesti e modalità.

Read Full Post »