Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘nuovi media’

Nuova veste grafica per MUSEUMSetc, sito in cui trovare diversi volumi interessanti su musei e nuovi media.
Tra questi vi avevo già segnalato Twitter for Museums (35 sterline la versione paperback): ma ci sono anche altre edizioni come il CD Real-World Twitter in Action, oppure il nuovissimo New Thinking: Rules for the (R)evolution of Museums.

Annunci

Read Full Post »

museumnext_home

Il 22 e 23 ottobre scorsi si è tenuto a Newcastle l’incontro Museum Next (già presentato qui): una due giorni dove professionisti museali provenienti da tutto il mondo  hanno discusso nuove strategie per intensificare il rapporto con il pubblico, presentato nuovi strumenti e case history di successo, dibattuto sulle reali possibilità offerte da nuovi media.

Le 4 “sezioni” in cui era suddivisa la conferenza erano:

  • Interactive activities
  • Wild Idea session
  • Unconference sessions
  • Facilitator bits

Ora, sui vari blog di riferimento, iniziano ad essere postate le varie recensioni: per avere un’idea generale di quello che è accaduto a Museum Next potete leggere l’esperienza di Alice Lebredonchel (Innovart), “French consultant in cultural communication”.

Ecco qua la sua introduzione:

Back from Newcastle, here is my report on Museum Next, a conference for worldwide museum professionals based on a great interaction between its participants through workshops, “unconference” sessions  and other debates, that is to say two intense days of sharing, exchanging and brainstorming among the participants.

Approximately 70 professionals of the museum world were there among whom artists, curators, institutions directors, members of  education departments or consultants, an eclectic mix to think together about tools and strategies for involving audiences in museums in order to make them more lively and interactive.

Leggete la review completa, qui.

Anche Nina Simon, co-organizzatrice insieme a Jim Richarsdon dell’evento, ha detto la sua sugli aspetti positivi e negativi dell’evento, soffermandosi sulla splendida esperienza delle”Wild Ideas session” ma anche della complessa attività di brainstorming con i partecipanti.

Cosa sono le “Wild ideas sessions”? Nient’altro che il “progetto dei sogni” di 6 istituzioni culturali: ecco qua la definizione di Nina.

“Wild idea” sessions, featuring six dream projects, some already in motion, others firmly ensconsed in their creators’ heads. Folks from the Utah Museum of Natural HistoryWorcester City MuseumManchester Art GalleryCentre for LifeNetherlands Architecture Institute, and the Knowledge Media Research Center (Germany) brought projects they wanted to make happen, and each worked with a group of about 10 other participants for about four hours over the course of the two days to work out plans and ideas to move the projects along.

The projects ranged from activating a dead collection to developing a mystery game around a strange artifact to developing a hackerspace to planning for massive changes to institutions new and old. Click any link above to see the video from the initial pitch and final report from each group.

Potete inoltre vedere tutti i video delle sessions sul sito dell’evento, museumnext.org.

Di seguito l’intervento tenuto da Nina Simon, nello spazio “unconference”.

Per le altre 5 parti dell’intervento, visitate il canale Youtube MuseumNext09

Read Full Post »

ARTBASE

Grazie alla segnalazione di Matteo ho scoperto questa sorta di database relativo alla New Media Art.

Creato nel 1999 ospita più 2500 “creazioni”, come software, browsers, games e websites indicizzati secondo un “Rhizome‘s Vocabulray”.

Il progetto Rhizome, di cui ArtBase fa parte, è nato nel lontano 1996 da una piccola comunità di sperimentatori di forme d’arte digitali.

Oggi, divenuto un vero e proprio laboratorio globale nonché un’organizzazione leader della New Media Art , ha sede all’interno del New Museum di  New York.

Rhizome is dedicated to the creation, presentation, preservation, and critique of emerging artistic practices that engage technology. Through open platforms for exchange and collaboration, our website serves to encourage and expand the communities around these practices. Our programs, many of which happen online, include commissions, exhibitions, events, discussion, archives and portfolios. […]Our organizational voice draws attention to artists, their work, their perspectives and the complex interrelationships between technology, art and culture.

Il New Museum fondato nel 1977 ed interamente dedicato alla promozione di nuove forme d’arte e nuove idee, si sviluppa oggi all’interno di un inconfondibile edificio inaugurato nel dicembre 2007: 7 piani dove trovano spazio 3 gallerie, un teatro, uno store, una sky room e al 5° piano un educational center diviso in “Resource center” e “Museum as hub”, regno d’interazione e multimedialità.

newmuseum

Un grazie a Linda e Cecilia.

Read Full Post »

2009-07-15_173522

Durante un caldo lunedì sera mi sono imbattuto in qualche articolo interessante, che tratta in vario modo il rapporto tra nuovi media e cultura.

Il primo (datato gennaio, ma non so perchè me lo sono trovato recentemente tra i reader) si intitola “Google Earth entra nel Prado. I capolavori ad alta definizione”.  14 capolavori ospitati dal Museo sono visibili nei minimi dettagli grazie a 8200 fotografie scattate ad altissima risoluzione. Qui, il video del progetto.

Oltre a questo vi segnalo due articoli presenti all’interno dell’ultimo numero di Affari e Finanza (quello del 13 luglio 2009). Inserisco i due screenshot e non i link, perchè nel giro di poche settimane non saranno più disponibili online e se non avete preso il giornale non li troverete più.

British Library riunifica sul Web tutti i testi biblici più antichi

Repubblica > Affari e Finanza > 13 luglio 2009

Repubblica > Affari e Finanza > 13 luglio 2009

Girare per Venezia con l’archivio Rai in tasca

Repubblica > Affari e Finanza > 13 luglio 2009

Repubblica > Affari e Finanza > 13 luglio 2009

Buona lettura!

Read Full Post »